A.D.I.G.   Lazio

Associazione Diabete Infantile Giovanile Regione Lazio ONLUS

Get Adobe Flash player

L'alimentazione

L’alimentazione rappresenta , insieme alla terapia farmacologica, uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete.
Ormai non si parla più di “dieta” ma è opportuno parlare  di “terapia nutrizionale” che deve seguire  le stesse regole di buona igiene alimentare di qualsiasi altro bambino o ragazzo senza il diabete. 
L’alimentazione ideale  non deve essere complessa o restrittiva e va adattata , ove possibile, al ragazzo e alla famiglia . Certo alcuni alimenti andranno consumati con moderazione, ma la dieta mediterranea permette comunque un'ampia gamma di alimenti alternativi tra i quali scegliere.
L’apporto calorico deve essere calcolato sulla base dell’età , del sesso e dell’attività fisica svolta e la distribuzione dei macronutrienti deve attenersi ai fabbisogni consigliati per la popolazione sana .  Nei ragazzi affetti da diabete bisogna, però, porre una maggiore attenzione ai Carboidrati che sono  i principali responsabili della variazione della glicemia ed è quindi importantissimo conoscerli e imparare a conteggiarli .
Gli ultimi Standard italiani per la cura del diabete mellito 2016 ci dicono che :
“ Sia la quantità sia la qualità dei carboidrati dei cibi possono influenzare la risposta glicemica.
Controllare la quantità totale dei carboidrati, attraverso l’uso delle diete a scambio o con il conteggio dei carboidrati, è una strategia chiave per l’ottenimento del controllo glicemico nel paziente insulinotrattato con uno schema multidose giornaliero (basal-bolus).”
 
A questo proposito “il counting dei carboidrati si conferma nel contesto della MNT, componente essenziale e identifica la strategia più efficace per il controllo glicemico nel paziente diabetico in trattamento insulinico intensivo.” 
 
Ma cos’è la conta dei carboidrati ? 
E’ un metodo che consente alla persona con diabete di adeguare la terapia insulinica alla quantità di carboidrati introdotta ad ogni pasto, consentendo una maggiore flessibilità nell’alimentazione . Tramite questo metodo è possibile stabilire la quantità di carboidrati assunti e regolare  di conseguenza le unità di insulina da somministrare. Adattando meglio le unità di insulina all’alimentazione si dovrebbe avere anche un miglior controllo sulla glicemia . 
 
Come tutte la tecniche, però,  abbisogna di personale specializzato ( dietista e medico diabetologo) disposto ad accompagnare il paziente lungo tutto il percorso di educazione che consta di diverse tappe .  
 
E' necessario sapere che prima di effettuare un pasto principale (come il pranzo) il bambino con diabete deve sempre eseguire la misurazione della glicemia e l'iniezione di insulina sotto-cute.
 

Social Facebook

btn facebook

Bomboniere Solidali

5x1000

5xmille 1

Facebook

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

FederDiabeteLazio

Link1 | Link2 | Link3

Attenzione! Questo Non è un sito medico.Non forniamo in alcun modo consulenze di tipo medico.
Le informazioni di tipo sanitario contenute nel nostro sito sono di carattere generale ed in nessun caso si dovranno prendere decisioni sulla base di notizie da noi fornite

 

logo